Confini 14

Pubblicato in in evidenza, iniziative, mostre

Da 14 anni Confini seleziona ogni anno progetti di fotografia contemporanea e li propone in tutta Italia. Un network nazionale di associazioni e curatori, che non ha precedenti nel panorama italiano, ha permesso di formare una giuria qualificata e di utilizzare spazi espositivi riconosciuti per l’impegno che dedicano costantemente alla fotografia.

Attraverso un bando pubblico sul portale photographers.it selezioniamo artisti che nel loro percorso creativo utilizzano il linguaggio fotografico per indagare i confini, appunto, tra la fotografia e le altre forme di espressione artistica. Le scelte dei curatori si sono indirizzate in questi anni verso autori che - pur sfruttando tali contaminazioni - provengono da una formazione fotografica, ne privilegiano il linguaggio e riflettono sul mezzo. Una fotografia che non documenta e spesso non rappresenta il reale, ma riflette una dimensione personale e intima attraverso progetti composti da un numero consistente di immagini fisse.

Confini è la prova che la fotografia italiana è in continua evoluzione e che il suo livello ormai ha raggiunto standard internazionali.

Oggi Confini conta location e partner di grande rilievo nel panorama della fotografia italiana: Clelia Belgrado (VisionQuesT), Leo Brogioni (Polifemo Fotografica), Maurizio Chelucci (MassenzioArte), Fulvio Merlak (Sala Fenice), Francesco Tei (PhotoGallery), Fausto Raschiatore (CivicoCinque), Angelo Cucchetto (Photographers.it), Antonio Armentano (L’Impronta), Auronda Scalera (Visiva), Pippo Pappalardo (Galleria Luigi Ghirri); Denis Curti (Il Fotografo)

Partner che compongono anche la giuria che dopo un’attenta selezione ha scelto 3 autori fra i partecipanti al bando pubblico promosso da Photographers.it e due fra gli autori indicati dai curatori.

I 5 autori saranno i protagonisti di questa nuova edizione di Confini ed i loro lavori potranno essere visti per un periodo di 12 mesi in una delle tante tappe che copriranno per intero la nostra penisola.

\

Carmen Decembrino “il velo di Maya”

il-velo-di-maya-05-w550


“È Maya, il velo ingannatore, che avvolge il volto dei mortali e fa loro vedere un mondo del quale non può dirsi né che esista, né che non esista; perché rassomiglia al sogno, rassomiglia al riflesso del sole sulla sabbia, che il pellegrino da lontano scambia per acqua; o anche rassomiglia alla corda gettata a terra, che egli prende per un serpente.” C’è qualcosa di non visibile agli occhi, che l’errore porta alla luce. Il velo si dissolve grazie al glitch dato da un comportamento anomalo, che permette al fotografo di ottenere dei vantaggi non previsti. Ciò che è celato, ciò che è nascosto, torna in superficie, rivelando un mondo sommerso. Lo schermo tra noi e la vera realtà, che ce la fa vedere distorta e non come essa è veramente si dipana sino a svelarci una nuova rappresentazione delle cose.

\

Silvia Zanasi “Ombre e menzogne”

Stampa


Il progetto si incentra sul tema dell’identità evidenziando il confronto di tante sagome umane apparentemente diverse tra loro. Il volto e ogni dettaglio scompaiono dietro alla superficie bianca che, come una maschera, annulla la personalità di ogni individuo e ogni possibilità di rivelazione estetica, mostrando così la diversità di ogni profilo. L’identità costruita svanisce nel momento in cui si osserva “dietro le quinte”, il ritratto svela ogni genere di dubbio mostrando la costruzione del personaggio e la finzione della mia prima persona. Ho deciso di utilizzare il mio corpo come veicolo espressivo per interpretare molteplici identità maschili e femminili. Ogni personaggio che rappresento è in realtà creato da una combinazione di elementi sempre differenti: abiti, posture e soprattutto espressioni facciali, utilizzando stereotipi riconoscibili per impersonare le varie identità. Ombre e Menzogne è il titolo del progetto, poichè come anche Il mito della caverna di Platone, l’uomo scambia per realtà quella che ne è soltanto una proiezione e in questo progetto, chi apparentemente è diverso, è in realtà uguale.

\

Me Nè “Luoghi mentali”

me-necc80-luoghi-mentali-costrizioni-18-w550


Costrizioni, trasformazioni, equilibrii”. Il progetto artistico di Me-nè si sviluppa verso una vera e propria riduzione dell’essere umano a ciò che intimamente è, e si avvicina all’arte antica sarda in una sorta di primitivismo astratto. L’uomo viene raffigurato nella sua semplicità, nella sua sintesi, nella visualizzazione di quei tratti essenziali che lo definiscono. L’autore propone una semplificazione di ogni aspetto dell’essere umano, fino a disegnare e scolpire non più corpi, ma linee che interagiscono con lo spazio quadrato e cubico che li circonda, li contiene, li costringe e li inghiotte. Nel progetto “Luoghi Mentali” l’essere umano viene rappresentato in tre diverse condizioni (costrizioni, trasformazioni, equilibrii), in uno stato di benessere, di disagio e talvolta di totale apatia.

\

Studio Pace10 “ALBUM – RICORDI IN CONSERVA”

1951-lo-sposalizio-di-elvira-ed-ermanno_w550


Non si tratta di tradizionali fotografie, ma di conserve di ricordi. Conservare significa mantenere un soggetto nell’essere suo, custodirlo, salvaguardarlo da tutto ciò che potrebbe alterarlo o distruggerlo. E’ possibile “conservare” un ricordo per sempre? Esistono “date di scadenza” anche per i nostri ricordi? Riflettendo sui due ambiti della fotografia e della conservazione alimentare, il nostro progetto interroga l’archetipo che si nasconde dietro il gesto di conservare. Con questo lavoro tiriamo fuori dai cassetti e dagli archivi immagini nascoste, ormai dimenticate, e diamo loro nuova vita in una sorta di “archivio trasparente” invitando allo stesso tempo a riflettere sull’importanza del ricordo fotografico nell’era digitale, dove una sovrapproduzione di immagini, spesso inutili, sviliscono la fotografia e le tolgono quel ruolo di “testimone” della nostra vita. Immagini mai stampate, intrappolate in hard disk che porteranno ad una desertificazione dei ricordi. O come ha detto Vint Cerf ” il XXI secolo sarà un grande buco nero”.

\

Franco Monari “e poi verrà la nebbia”

monari_20x13_01-w550


Questa serie di fotografie nasce da una mia esigenza di ritagliarmi dei momenti nei quali uscire ed in solitudine esplorare il paesaggio per qualche ora. Senza un itinerario programmato e neppure una meta precisa, ma con la sola esigenza di isolamento e di fotografare, torno sempre negli stessi luoghi più e più volte instaurando ormai con essi un legame particolare, un microcosmo personale. L’esplorazione ed il rapporto tra luogo e memoria diventano quindi elementi fondamentali nella formazione di un propria identità. Il paesaggio esplorato è dunque quello nel quale sono nato, cresciuto e nel quale vivo: una parte di pianura padana che si estende dalle campagne della “bassa” alla riva destra del fiume Po. Per distinguere le diverse aree del paesaggio, ho adottato un effetto cromatico differente per ciascuna area: partendo dalla campagna dove ho usato un filtro giallo, man mano che mi avvicino al fiume le foto virano verso una dominante rossa ed infine verde. Le fotografie, stampate su tela, sono successivamente ritoccate a mano con colori a olio o smalto.

\

LE TAPPE E LE ASSOCIAZIONI DI CONFINI 14

dicembre 2016 > Milano > Polifemo Fotografia
gennaio 2017 > Roma > Visiva/Massenzio
febbraio 2017 > Genova > Vision Quest
aprile 2017 > Trieste > Sala Fenice
giugno 2017 > Cosenza > L’Impronta
luglio 2017 > Rossano (Cs) > Biblioteca Minnicelli
agosto 2017 > Nibbiano (Pc) > Confluenze Festival
agosto 2017 > Firenze > Photogallery
settembre 2017 > Venezia > CivicoCinque
ottobre 2017 > Catania > Galleria Sikanie

\

SPONSOR TECNICI

TDE Trasporti dedicati Espressi
Domenico Di Bona

\

MEDIA PARTNER

photographers.it
Deaphoto
Il Fotografo

\




Polifemo | La Fabbrica del Vapore
via G. C. Procaccini 4 | 20154 Milano
02.36521349 | info@polifemo.org

POLIFEMO: 13 ANNI DI FOTOGRAFIA

Cliccando qui puoi scaricare un documento in pdf che riassume i nostri anni di attività culturale all'interno della Fabbrica del Vapore: eventi, collaborazioni, numeri.

CHI SIAMO / ABOUT US

Polifemo è un'associazione culturale gestita da quattro fotografi che condividono la loro esperienza in un’ottica sia produttiva che culturale, operando nella fotografia commerciale (per aziende, case editrici, studi grafici, studi di architettura, agenzie pubblicitarie) e realizzando propri progetti artistici.

Polifemo Fotografia is an association of three professional photographers based in Milan, Italy. Polifemo's clients are magazines, advertising agencies, companies and graphic designers who need adv, corporate and editorial pictures.




La Fabbrica del Vapore

comune.milano.it/fabbricadelvapore

Centro di produzione culturale giovanile del Comune di Milano: è sede di laboratori che realizzano attività rivolte ai giovani. Mostre, eventi, iniziative culturali si susseguono tutto l'anno.

The centre, expecially devoted to the youth's cultural production and belonging to the Milan City Council, is house to several associations promoting many activities aimed at young people.

La Fabbrica del Vapore | Via Procaccini 4 | 20154 Milano

zona Cimitero Monumentale
Tram 10, 12, 14 - Metro M5 Monumentale/Cenisio

POLIFEMO

polifemo.org

Polifemo è gestito da quattro fotografi professionisti che condividono la loro esperienza in un’ottica sia produttiva che culturale, operando nella fotografia commerciale (per aziende, case editrici, studi grafici, studi di architettura, agenzie pubblicitarie) e realizzando propri progetti artistici.

Polifemo Fotografia is an association of four professional photographers based in Milan, Italy. Polifemo's clients are magazines, advertising agencies, companies and graphic designers who need adv, corporate and editorial pictures.

CHI SIAMO

LEONARDO BROGIONI
fotografo, giornalista, docente di fotogiornalismo, autore di web-doc e prodotti multimediali
@leobrogioni

MARCO PEA
progettista grafico, diplomato in fotografia, graphic designer, docente di grafica editoriale

ITALO PERNA
fotografo di still ife e architettura, direttore della fotografia, si occupa anche di post produzione
@italoferdinando

LUCA TAMBURLINI
fotografo di still life, fotografia pubblicitaria e docente di fotografia.
@lucatamburlini